Istituto Figlie di San Camillo
 

Presentazione dell'Istituto Figlie di San Camillo

L‘Ente Ecclesiastico Istituto Figlie di San Camillo, Casa Generalizia Grottaferrata (Roma), è stato civilmente riconosciuto con R.D. del 23 novembre 1936 n. 831.8.23 ed opera nell’ambito delle sue finalità di cul-to, di religione e di assistenza agli infermi con piena autonomia giuridica-amministrativa, senza fini di lucro.
Le attività ospedaliere previste dagli ospedali e case di cura dell‘Istituto si inseriscono nell‘ambito del S.S.N., ai sensi dell‘art. 41 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, recepito dall‘art. 4, comma 12 del decreto legislativo 30 dicembre 1993, n. 502, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517.
Le prestazioni di assistenza sanitaria sono del tutto equivalenti a quelle erogate dalle strutture sanitarie pubbliche con esclusione di quelle attività che contrastano con i valori e i principi della dottrina cristiana.
L‘Ente Ecclesiastico Istituto Figlie di San Camillo attraverso i propri ospedali e case di cura garantisce ai pazienti, secondo quanto disposto nei piani sanitari nazionali e regionali, un sistema organizzativo tecnico-sanitario corrispondente a quello dei presidi sanitari pubblici.

 

La missione propria delle Figlie di San Camillo è di testimoniare l’amore sempre presente di Cristo verso gli infermi, nel ministero spirituale e corporale esercitato anche con rischio della vita.
I campi di attività sono: ospedali ambulatori dispensari case per anziani strutture per bambine con handicap fisici e mentali assistenza a domicilio Lebbrosari e missioni
Nello spirito dei Beati Fondatori, Luigi Tezza e Madre Vannini, l‘Istituto si è aperto verso nuove frontiere: barboni, malati di Aids, bambini di strada. Inoltre nei paesi in via di svilup-po si è creata una rete di sussidi sanitari che rispondono ai bisogni della gente locale: visite regolari ai villaggi, centri nutrizionali, cure palliative, distribuzione di medicine.
Ancora, allo scopo di preparare operatori e operatrici sanitarie secondo lo spirito di Ma-dre Vannini - che è lo spirito stesso di San Camillo - , le Figlie di San Camillo dirigono varie scuole infermieristiche con seria formazione clinica, umana e spirituale. In queste scuole, l‘Istituto intende trasmettere a chiunque voglia operare nel mondo della salute quello spi-rito di carità evangelica che il Figlio di Dio col suo esempio ha insegnato.

Cristo, per primo, infatti, dedicò agli infermi speciali premure e ciò che Lui fece volle che lo facessero anche i discepoli unendo alla missione apostolica il mandato di curare gli infermi: ―... curate i malati... e dite loro: è vicino a voi il Regno di Dio‖ (Lc 10,9).
In modo particolare nelle missioni d‘Africa le religiose sono chiamate ad affrontare emergenze sanitarie assistendo e portando cure e medicine ai malati dei villaggi interni che non hanno la possibilità di andare da un medico, né tanto meno di acquistare medicine, nemmeno le più comuni; attuando la prevenzione delle malattie infantili, con la vaccinazione e l‘educazione delle mamme. A tale scopo sono sorte nelle missioni in Africa i cosiddetti ―centri di maternità‖ e ―centri per prematuri‖, luoghi dove si curano ed assistono le mamme in attesa, fino al momento del parto e dopo, insieme ai loro bambini. La prevenzione della malattia è un elemento caratterizzante del lavoro delle suore in Africa, che si attua con l‘attività formativa.
A Ouagadougou, in Burkina Faso, nell‘École ménagère St. Camille, scuola di economia do-mestica, si formano centinaia di ragazze burkinabé al loro futuro di mamme, insegnando loro i tipici mestieri domestici, tessitura, cucito, cucina, igiene e tutto ciò che è necessa-rio sapere per il buon andamento della conduzione familiare. Un contributo non piccolo allo sviluppo della società locale, all‘armonia e benessere delle famiglie e all‘emancipazione della donna.

 

 

 
  Privacy

  Regolamento
  Assistente Sociale

  Il Volontariato
  Piantina Ospedale

  Assistenza religiosa
Copyright, Istituto Figlie di San Camillo